invia/condividi stampa feed rss

Area Servizi Educativi

Area Politiche Educative
 
Descrizione dell’area

In questa Area si pone attenzione all’accompagnamento dalla nascita alla giovane età, attraverso la presa in considerazione dei bisogni evolutivi della persona in crescita. Tenendo presente le esigenze caratterizzate da fragilità di tipo sociale, familiare e per fronteggiare i bisogni che nascono dalle disabilità ( Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità , ratificata l.18/2009), per l’inclusione nella Comunità.

 

In questo territorio ci sono 407 minori disabili che frequentano le scuole degli Istituti Comprensivi e delle scuole secondarie di secondo grado, risulta indispensabile programmare e sostenere le azioni che sostengono la costruzione del percorso progettuale e stimolano le potenzialità per la miglioria della qualità di vita sia individuale che familiare. La flessibilità è fondamentale per favorire sia gli scambi che le operatività al fine della promozione dell’autonomia, indipendenza ed integrazione.

 

Scuola come momento di integrazione e di accompagnamento all’integrazione dei minori immigrati, i così detti neo arrivi, soprattutto per ricongiungimenti familiari, nel contesto sociale italiano, dove la mediazione interculturale rappresenta un solido ponte per favorire l’integrazione anche delle loro famiglie, in una modalità gestionale di gruppo per la razionalizzazione delle economie. ( PDZ 2012/2014)

  • Servizi per la Prima Infanzia: Asili-Nido, Micro-Nidi, Nidi in Famiglia, Centri per l’Infanzia, Servizi Integrativi: Spazi Gioco; Servizi per la Comunità. Servizi rivolti ai bambini e alle loro famiglie e a chi si occupa di loro in particolare rispetto ai progetti che coinvolgono tutti i comuni dell’Ambito.
  • Scuola e Spazi dedicati ai bambini con disabilità e alle loro famiglie per interventi con applicazioni specialistiche e con programmi di inclusione scolastica e sociale.
  • Promuove iniziative ed interventi per accrescere la cultura e la sensibilizzazione verso le problematiche della disabilità 
  • Sperimenta soluzioni in risposta ai principali bisogni emergenti negli ambiti sociali, scolastici, domiciliari, ludici e sportivi oltre che offrire sostegno ai familiari.
  • Promuove l’ORIENTAMENTO agli studenti e alle famiglie attraverso il servizio POLO GIOVANI che offre attività di orientamento per il prosieguo scolastico e lavorativo.
  • Sostiene i laboratori EXTRASCUOLA per la promozione dell’aiuto compiti e sollecitazioni alla relazione, all’animazione sociale ecc… progetti che contrastano la dispersione scolastica.
  • Promuove e sostiene l’Orientamento scolastico e post-scolastico alle famiglie con minori con disabilità, mantiene il collegamento con le azioni scolastiche e i servizi territoriali dedicati alle persone con disabilità.
  • Promuove la collaborazione con tutti i soggetti coinvolti: ASL, Azienda Ospedaliera, il privato sociale, il volontariato, le famiglie ed altri.

E’ previsto, all’interno di ogni area, un gruppo di lavoro, detto “tavolo” o “ gruppo dedicato” che raggruppa i rappresentanti di molte realtà territoriali . Il metodo di lavoro utilizzato dal gruppo è quello della condivisione, dell’ascolto e del confronto, attraverso la conoscenza del territorio, la rilevazione dei bisogni, la ricerca attiva e la progettazione.

Il tavolo o gruppo dedicato progetta gli interventi a partire dagli indirizzi politici dati dai Sindaci.

Chi coordina gli interventi?

Gli interventi e le attività sono coordinate da un operatore con esperienza specifica nel settore.