Emergenza abitativa DGR 606/2018

Gli obiettivi specifici delle misure volte al contenimento dell’emergenza abitativa e al mantenimento dell’abitazione in locazione emanate da Regione Lombardia sono quello di dare risposta al fenomeno dell’emergenza abitativa e di sostenere iniziative finalizzate al mantenimento dell’abitazione in locazione, attraverso la pubblicazione da parte di “Azienda Isola” delle seguenti misure:

  • MISURA 1 - volta ad incrementare il reperimento di nuove soluzioni abitative temporanee per emergenze abitative.
  • MISURA 2 - volta ad alleviare il disagio delle famiglie che si trovano in situazione di morosità incolpevole iniziale nel pagamento del canone di locazione, soprattutto a causa della crescente precarietà.

 

A chi è rivolto il servizio:

La MISURA 1 della DGR 606/2018 si concretizza in interventi finalizzati al reperimento di alloggi temporanei per gli inquilini residenti in Lombardia, sfrattati o in emergenza abitativa, in attesa di una soluzione stabile e che prevedono programmi di accompagnamento dei soggetti inseriti in tali alloggi, prevedendo:

  1. fino ad un massimo di € 500 al mese per richieste di persona singola fino ad un massimo di mesi sei e per un importo complessivo di massimo € 3.000,00
  2. fino ad un massimo di € 1.000/mese per nuclei famigliari pari o sup. a due persone fino ad un massimo di mesi sei e fino a un massimo di € 6.000,00

La MISURA 2 della DGR 606/2018 si concretizza come aiuto alle famiglie in difficoltà o con membri in situazione di fragilità regolarmente residenti nei ventiquattro Comuni Soci dell’Azienda Consortile con un contratto di locazione registrato ed intestato ad uno dei componenti della famiglia purché non abbiano subito l’avvio del procedimento di sfratto o che possono documentare la disponibilità della sospensione dello stesso da parte del locatore.

Il contributo di massimo € 1.500,00 da parte di Azienda Isola è attribuito alle famiglie segnalate dagli Uffici dei Servizi Sociali dei Comuni di residenza, titolari e responsabili dell’andamento e dell’esito del progetto.

L’entità del contributo è stabilita da una Commissione Valutativa appositamente costituita, e composta da membri rappresentativi dei partner istituzionali (Azienda Isola, Fondazione Diakonia dell’Isola e Servizi Sociali del comune di residenza della famiglia interessata).
  

Chi può richiederlo:

Servizi Sociali del Comune di residenza.
 

Come accedere al servizio:

Compilazione della documentazione allegata agli avvisi pubblici ed invio ad Azienda Isola da parte dei Servizi Sociali dei comuni di residenza

 

Dove rivolgersi:

Assistenti Sociali dei Comuni soci
 

Ufficio di competenza

Territorio di competenza:

Ambito territoriale Isola Bergamasca e Bassa Val San Martino
(Ambivere, Bottanuco, Bonate Sopra, Bonate Sotto, Brembate, Brembate di Sopra, Calusco d’Adda, Capriate San Gervasio, Caprino Bergamasco, Carvico, Chignolo d’Isola, Cisano Bergamasco, Filago, Madone, Mapello, Medolago, Ponte San Pietro, Pontida, Presezzo, Solza, Sotto il Monte Giovanni XXIII, Suisio, Terno d’Isola e Villa d’Adda)
 

Operatori:

Referente Azienda Isola, referente Fondazione Diakonia dell’Isola, Assistenti Sociali dei Comuni soci.

 

Riferimenti Legislativi (normativa):

  • DGR Regione Lombardia n° 606 del 01 ottobre 2018

 

Data ultima modifica: 08-04-2019

Punto di Ascolto

Il Punto di Ascolto si propone di agevolare la comunicazione e la relazione attraverso l’ascolto dei disagi personali.  

torna all'inizio del contenuto