Servizio di Inserimento Lavorativo

Il Servizio di Inserimento Lavorativo (SIL) nasce e si sviluppa con l’obiettivo di favorire l’integrazione sociale e lavorativa delle persone in situazione di difficoltà; fornisce ai beneficiari l’opportunità di essere coinvolti ed inseriti in una rete di rapporti e relazioni interpersonali, utili allo sviluppo e rafforzamento dell’identità personale e professionale e a un collocamento stabile. Il servizio si rivolge ai cittadini segnalati dai servizi sociali comunali in situazione di difficoltà, al fine di favorire il processo di inserimento lavorativo in un contesto produttivo di mercato e, più in particolare, a soggetti disabili, persone che appartengono ad un’area di povertà sociale, di deprivazione socio-culturale, a rischio di emarginazione, soggetti con problematiche psichiche, minori con problematiche socio-relazionali, familiari o in situazione di abbandono scolastico.

Il SIL promuove attività di intervento di orientamento e percorsi di inserimento lavorativo con scopi osservativi ed assuntivi; i beneficiari sono residenti nel territorio dell’Isola Bergamasca e Bassa Val San Martino.

 

A chi è rivolto il servizio:

  1. Cittadini adulti residenti nel territorio dell’Ambito territoriale, senza un’attività lavorativa, con disabilità di tipo psichico ed intellettivo, o disabilità mista, e
    1. con certificazione ai sensi della Legge 104 del 5 febbraio 1992;
    2. invalidi civili con la possibilità di iscriversi al collocamento mirato;
    3. soggetti riconosciuti dalla L. n. 68 del 2 marzo 1999, D.P.C.M. del 13 gennaio 2000;
    4. soggetti individuati come svantaggiati dai vigenti Regolamenti della CE (n. 2024/2002 e n. 800/2008), con attenzione anche alle donne con figli in situazione di fragilità socio economica residenti nel territorio dell’Isola Bergamasca e Bassa Val San Martino;
    5. persone con invalidità fisica al 67% e disoccupate da almeno 24 mesi;
  2. Cittadini adulti residenti nel territorio dei Comuni dell’ambito territoriale, senza un’attività lavorativa, beneficiari misure di cui al D.Lgs. n. 147/2017 “Disposizioni per l’introduzione di una misura nazionale di contrasto alla povertà” e/o alla legge n. 4/2019 “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”.
 

Chi può richiederlo:

Servizi sociali comunali dell’Ambito territoriale.
 

Come accedere al servizio:

Azienda Isola organizza il servizio, in collaborazione con l’ente accreditato al lavoro aggiudicatario della relativa gara d’appalto.
L’invio al Servizio di Inserimento Lavorativo è di competenza del servizio sociale del Comune di residenza dell’interessato.

 

Dove rivolgersi:

Ufficio Servizi Sociali del proprio comune di residenza. 

Ufficio di competenza

Territorio di competenza:

Ambito territoriale Isola Bergamasca e Bassa Val San Martino
(Ambivere, Bottanuco, Bonate Sopra, Bonate Sotto, Brembate, Brembate di Sopra, Calusco d’Adda, Capriate San Gervasio, Caprino Bergamasco, Carvico, Chignolo d’Isola, Cisano Bergamasco, Filago, Madone, Mapello, Medolago, Ponte San Pietro, Pontida, Presezzo, Solza, Sotto il Monte Giovanni XXIII, Suisio, Terno d’Isola e Villa d’Adda)
 

Costo

Spese a carico dell'utente. Vedi tariffe 
 

Operatori:

Responsabile Azienda, Educatori professionali delle cooperative accreditate.

 

Riferimenti Legislativi (normativa):

  • Legge 30 marzo 1971, n. 118 “Conversione in legge del D.L.30 gennaio 1971, n. 5 e nuove norme in favore dei mutilati ed invalidi civili
  • Legge 5 febbraio 1992, n. 104 “Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate”;
  • Legge 12 marzo 1999, n. 68 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”;
  • Legge 8 novembre 2000, n. 328 “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”;
  • Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, adottata al Consiglio Europeo di Nizza, il 7 dicembre 2000 (documento 2000/C 364/01);
  • Legge Regionale 4 agosto 2003, n. 13 “Promozione all’accesso al lavoro delle persone disabili e svantaggiate” come integrata dall’art. 28 della l.r. n. 22/2006;
  • Legge Regionale 12 marzo 2008, n. 3 e s.m.i.: “Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale e sociosanitario”;
  • G.R. 17 gennaio 2018, n. X/7763 “Indirizzi regionali in materia di tirocini”;
  • D.D.S. 7 maggio 2018, n. 6268 “Indirizzi regionali in materia di tirocini – Disposizioni attuative”.
 

Documenti e Tariffe

Data ultima modifica: 08-04-2019

Punto di Ascolto

Il Punto di Ascolto si propone di agevolare la comunicazione e la relazione attraverso l’ascolto dei disagi personali.  

torna all'inizio del contenuto